Sindrome delle gambe senza riposo: cause, sintomi e rimedi

La Sindrome delle gambe senza riposo (RLS) è un disturbo del sonno caratterizzato da un’irrefrenabile necessità di muovere gli arti inferiori che tende a presentarsi la sera o la notte, quando si è seduti o sdraiati.

Sindrome delle gambe senza riposo

 

Tale nervosismo alle gambe colpisce una fetta di popolazione italiana compresa tra il 5% e il 10% e si presenta con maggior frequenza nelle donne, specialmente in età più matura.

Da cosa ha origine tale smania alle gambe e come riconoscere e contenere questa patologia che provoca fastidio, movimento e dolori alle gambe durante il riposo notturno? Nel corso di questa guida analizzeremo cause, sintomi e i principali trattamenti.

 

 

1. Cos’è la sindrome delle gambe senza riposo (RLS)?
2. Sintomi delle gambe senza riposo 
3. Perché viene il nervoso alle gambe?
4. Cosa fare in caso di sindrome delle gambe senza riposo?
5. Terapia farmacologica per gambe senza riposo
6. Come diagnosticare il nervosismo alle gambe di notte

 

 

 

Cos’è la sindrome delle gambe senza riposo (RLS)?

La sindrome delle gambe senza riposo (RLS) nota anche come malattia di Willis-Ekbom, e conosciuta anche come sindrome delle gambe irrequiete, è un disturbo del sonno che colpisce circa il 2-3% della popolazione mondiale. Si tratta di un disturbo neurologico che genera irrequietezza a una o entrambe le gambe e che porta gli individui che ne soffrono ad avere un’irrefrenabile necessità di muovere gli arti. Tale disturbo tende a verificarsi quando si sta seduti per molto tempo e si manifesta nelle ore serali, quando si è in procinto di addormentarsi, o durante la notte, andando a influenzare negativamente la qualità del sonno e della vita in generale.

I fattori di rischio per lo sviluppo della sindrome delle gambe senza riposo possono includere l’età avanzata, la gravidanza, l’obesità e l’uso di alcuni farmaci. Le complicazioni a lungo termine della RLS, possono causare la privazione del sonno e la riduzione della qualità della vita. Altri sintomi associati alla RLS sono il movimento periodico degli arti durante il sonno (PLMS).

Torna all’indice

 

 

Sintomi delle gambe senza riposo 

I sintomi della sindrome delle gambe senza riposo sono molto soggettivi e anche piuttosto difficili da descrivere per chi li prova. Tra i più comuni vi sono il formicolio, il prurito, il bruciore, il dolore e il movimento delle gambe.

In particolare, chi soffre di questo disturbo lamenta fastidio alle gambe durante la notte e un bisogno incombente di muoverle. Vi sono soggetti, inoltre, che oltre ad avere le gambe nervose, manifestano dolori o formicolii anche alle braccia (anche se tale condizione tende a presentarsi con meno frequenza).

Sindrome delle gambe senza riposo: come influisce sulla qualità del sonno

Chi soffre della sindrome delle gambe irrequiete tende a manifestare i sintomi del disturbo nei periodi di maggiore stress. Tuttavia, vi sono casi in cui tale problema si presenta di frequente, fino a diventare una condizione invalidante. Le persone affette da grave agitazione alle gambe, infatti, lamentano un’eccessiva sonnolenza diurna, un forte senso di stanchezza e sonnolenza, irritabilità e problemi di concentrazione causati dallinsonnia

Tutto ciò, se non adeguatamente curato, può portare a sbalzi d’umore e depressione.

Come abbiamo anticipato poco fa, i sintomi del disturbo tendono a emergere quando ci si stende o si prova a rilassarsi e peggiorano durante il riposo notturno, spingendo gli individui che ne soffrono ad alzarsi e a muovere e massaggiare le gambe per alleviare il fastidio. 

Torna all’indice

 

 

Perché viene il nervoso alle gambe?

Le cause delle gambe senza riposo sono ancora oggetto di studio, ma gli specialisti ritengono che vi siano diversi fattori chiave alla base del suo sviluppo.

Una componente significativa sarebbe la predisposizione genetica poiché ciò che si è notato è che il problema tende a manifestarsi con maggior frequenza tra membri della stessa famiglia. In questo caso, si parla di sindrome primaria.

Se invece il disturbo risulta collegato ad altre patologie, allora si parla di sindrome secondaria. Infine, se non si riscontra alcun legame familiare o se non è possibile collegare il problema delle gambe ballerine ad altre patologie, allora la sindrome viene detta idiopatica.

I medici hanno rilevato che la sindrome delle gambe senza riposo è correlata a una riduzione della dopamina, un neurotrasmettitore fondamentale per il funzionamento del sistema nervoso centrale. Questa carenza può perturbare i segnali nervosi responsabili del controllo dei movimenti delle gambe, portando ai classici sintomi del disturbo.

È possibile inoltre associare alla comparsa della sindrome sindrome delle gambe irrequiete le seguenti patologie:

  • Anemia
  • Insufficienza renale
  • Neuropatie periferiche croniche

Comprendere le cause della sindrome delle gambe senza riposo è fondamentale per individuare il trattamento più efficace e aiutare i pazienti a gestire meglio i sintomi.

Torna all’indice

 

 

Cosa fare per alleviare i sintomi delle gambe agitate

Per alleviare velocemente i fastidi provocati dalle gambe senza riposo, esistono alcuni rimedi che è possibile adottare nel momento in cui si presenta il problema. Tra questi, possiamo citare:

  • lo stretching e il movimento, che permettono di distendere i muscoli e ridurre le sensazione strana alle gambe.
  • immergere le gambe in acqua calda o fredda o applicare la borsa dell’acqua calda o del ghiaccio sull’arto affetto da tremore o formicolio
  • massaggiare l’arto colpito può fornire un immediato sollievo, migliorando la circolazione e diminuendo la tensione muscolare.

Torna all’indice

 

 

Cosa fare in caso di sindrome delle gambe senza riposo?

I rimedi alla sindrome delle gambe senza riposo (RLS) variano in base alla gravità del problema. Nei casi lievi, specialmente quando il disturbo non risulta associato ad altre patologie, alcune modifiche nello stile di vita potrebbero offrire un significativo sollievo. 

In questi casi, si raccomanda di:

  • Migliorare le proprie abitudini di sonno: questo significa dormire un numero adeguato di ore, evitare l’uso di alcol e caffeina nelle ore serali e fare in modo che l’ambiente circostante sia favorevole al riposo.
  • Smettere di fumare: Il fumo di sigaretta può peggiorare i sintomi della RLS.
  • Fare esercizio fisico regolare: se svolta regolarmente, l’attività fisica può alleviare i sintomi della RLS. È importante evitare esercizi intensi e l’attività fisica nelle ore serali poiché potrebbero interferire con il sonno.
  • Evitare farmaci che possono peggiorare i sintomi: alcuni medicinali possono aggravare la sindrome delle gambe senza riposo. Se si sospetta che un farmaco in uso possa contribuire al disturbo, è essenziale consultare il medico prima di apportare qualsiasi modifica al regime terapeutico.
  • Adottare un’alimentazione equilibrata: una dieta sana ed equilibrata può avere un impatto positivo sul benessere generale e, di conseguenza, sui sintomi della RLS.

Queste strategie rappresentano il primo passo per trattare la sindrome delle gambe agitate. Tuttavia, nei casi in cui il disturbo influisca in maniera importante sulla vita del paziente, è necessario consultare il medico e terapeutiche più specifiche, sempre sotto la guida di un medico specialista.

 

Torna all’indice                                                                                                                                                      

 

 

Quali alimenti devono essere evitati nella sindrome delle gambe senza riposo?

Chi è affetto da sindrome delle gambe senza riposo dovrebbe evitare bevande e alimenti che contengono caffeina (come il caffè e il tè) e l’alcol.

Torna all’indice

 

 

Terapia farmacologica per gambe senza riposo

Per curare la patologia possono essere prescritti farmaci che aumentano i livelli di dopamina o altri neurotrasmettitori nel cervello. Tra questi farmaci possiamo citare, ad esempio ropinirolo, levodopa, gabapentin e pregabalin.

Ci sono alcuni trattamenti che in alcuni casi possono risultare utili nella gestione della sindrome delle gambe senza riposo:

  • Cuscino vibrante Relaxis: è un cuscino da posizionare sotto le gambe in grado di vibrare con diverse intensità, in questo modo si innesca una contro-stimolazione alla sensazione di formicolio;
  • TENS (Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation): consiste in una stimolazione nervosa elettrica transcutanea mediante l’utilizzo di corrente a bassa tensione;
  • PRM (manipolazione del rilascio posizionale): è una tecnica che permette di tenere le varie parti del corpo in posizioni che migliorano la sensazione di formicolio dovuto alla sindrome delle gambe senza riposo.

Inoltre, vi sono anche altri trattamenti che potrebbero alleviare la sintomatologia, come l’agopuntura, i massaggi o la riflessologia.

Come diagnosticare il nervosismo alle gambe di notte?

La diagnosi della sindrome delle gambe senza riposo si basa soprattutto sulla valutazione dei sintomi del paziente e sulla storia medica del paziente.
Il medico, in genere, richiede una descrizione dettagliata dei sintomi, della loro durata e dell’orario in cui si verificano. Inoltre, può essere richiesta una valutazione del sonno e del comportamento motorio durante il riposo. Nei casi più gravi lo specialista può prescrivere anche la polisonnografia, esame che permette di analizzare il livello di specifici parametri durante il sonno e, in base ai valori registrati, di formulare una diagnosi di eventuali patologie, come la RLS.


Per confermare la diagnosi, possono poi essere eseguiti alcuni esami di laboratorio, tra cui un’analisi del sangue per valutare il dosaggio del ferro e l’elettromiografia per la verifica dello stato dei nervi delle gambe e la ricerca di anomalie neurologiche o muscolari.
È importante che il paziente collabori attivamente con il medico per identificare la causa dei sintomi e per trovare il miglior trattamento possibile. La diagnosi precoce della sindrome delle gambe senza riposo è fondamentale per migliorare la qualità della vita dei pazienti e per prevenire eventuali complicanze.


Se la notte non riposi in maniera adeguata e desideri un consulto medico per verificare l’eventuale presenza di disturbi legati al sonno, prenota ora una visita o un esame su Sonnocare, la prima clinica online specializzata nella Medicina del Sonno che offre prestazioni sanitarie in sede e a domicilio in tempi celeri e senza attese.

 

Torna all’indice

 

 

Fonti e riferimenti

Diagnostic criteria, special considerations, and epidemiology: A report from the restless legs syndrome diagnosis and epidemiology workshop at the National Institutes of Health Allen R, Picchietti D, Hening W, Trenkwalder C, Walters A, Montplaisi Js PMID: 14592341 DOI: 10.1016/s1389-9457(03)00010-8 [PubMed]
Restless Legs Syndrome in Chronic Kidney Disease- a Systematic Review Yasaman Safarpour, Nosratola D Vaziri, Bahman Jabbari PMID: 37008995 PMCID: PMC10064886 DOI: 10.5334 [PubMed]
Restless legs syndrome Mayo Clinic Staff [MayoClinic]

 

 

Sonnocare è un centro di Medicina del Sonno specializzato per la cura dei disturbi del sonno. Il centro svolge attività ed esami per la diagnosi e la definizione dell’iter terapeutico delle principali patologie del sonno. Se ha bisogno di prenotare un esame scrivici o chiama direttamente la nostra segreteria al numero +39 081 3779573.          

SCRIVICI

 

Related Posts