La privazione del sonno: che cos’è, quali sono i sintomi e quali le cause.

L’importanza del sonno per il mantenimento e lo sviluppo del cervello e delle funzioni cognitive; quando è necessario parlare con il proprio medico.

mancanza del sonno - disturbi del sonno
La privazione di sonno spesso è causa di sonnolenza diurna, di cali di concentrazione e riduzione delle prestazioni sul lavoro o nello studio. Spesso questi sintomi sono causati anche da un disturbo del sonno.

 

La privazione di sonno, in inglese sleep deprivation, è il termine con cui si indica una condizione di mancanza del sonno o assenza del sonno. Dormire infatti è un bisogno umano fondamentale, come mangiare, bere e respirare. Il sonno infatti è coinvolto in molte funzioni fondamentali e studi scientifici hanno dimostrato che è una funzione vitale per l’uomo. Durante il sonno avvengono diverse azioni fisiologiche necessarie per il nostro organismo che se non si esplicano possono portare a delle complicazioni. In particolare il sonno agisce sul consolidamento della memoria, controllo dell’infiammazione, regolazione ormonale, metabolica e cardiovascolare.

Il dormire è una parte vitale alla base per una buona salute e per il proprio benessere. È necessario dunque dormire e riposare correttamente per recuperare energie fisiche e mentali.

La mancanza del sonno è una condizione che si verifica se non si dorme abbastanza. Si può verificare se sono presenti uno o più dei seguenti motivi:

    • Non si dorme abbastanza
    • Si dorme all’ora sbagliata (ovvero non si è sincronizzati con l’orologio naturale del proprio corpo)
    • Non si dorme bene o non si riposa per ottenere il recupero di cui il corpo ha bisogno
    • Si ha un disturbo del sonno che impedisce di dormire a sufficienza o causa un sonno di scarsa qualità

La carenza del sonno può portare a problemi di salute fisici e mentali, lesioni, perdita di produttività e persino a rischi maggiore di morte. Inoltre la privazione del sonno spesso è causa di sonnolenza diurna, di cali di concentrazione e riduzione delle prestazioni sul lavoro o nello studio. Questi sintomi molto frequentemente sono causati anche da un disturbo del sonno.

 

 

Quante ore è necessario dormire

Quando un individuo non riesce a dormire, possono verificarsi diversi problemi. Infatti il sonno ha un’enorme importanza sulle fasi di recupero fisico e su tutte le funzioni fisiologiche del nostro corpo.

Ma quante ore è necessario dormire? 

Il tempo di riposo per ogni individuo cambia a secondo dell’età, della salute generale, dell’attività fisica e dello sforzo mentale.

In generale, i bambini e gli adolescenti hanno bisogno di circa 9-10 ore di sonno al giorno per consentire un sano sviluppo del cervello. La maggior parte degli adulti ha bisogno di poco meno di 8 ore di sonno. In questa nostra infografica (clicca qui), utile e di semplice comprensione, abbiamo riportato in dettaglio tutte le ore necessarie di sonno per ogni età e tutte le informazioni essenziali che riguardano il nostro sonno. 

 

I sintomi 

Il sonno è importante per il mantenimento e lo sviluppo del cervello e delle funzioni cognitive. Per questo motivo, quando le persone sono private del sonno, è probabile che abbiano difficoltà a prendere decisioni e risolvere problemi. Il sonno è anche importante per l’elaborazione e la memorizzazione dei ricordi; la privazione del sonno è associata a difficoltà con l’apprendimento e la funzione cognitiva.

Per questo motivo, i bambini con disturbi del sonno hanno meno probabilità di avere ottimi risultati a scuola o negli studi. Inoltre, la mancanza del sonno può avere un effetto sul controllo emotivo di un individuo.

Ti potrebbe interessare anche:   Polisonnografia, pulsossimetria e saturimetria notturna: gli esami utili per il monitoraggio notturno e la valutazione dei disturbi respiratori durante il sonno.

È molto probabile inoltre che a causa del mancato riposo notturno ci possano essere cambiamenti di peso significativi.

 

 

Le cause della mancanza di sonno

Esistono varie possibili cause alla mancanza di sonno. Le più comuni di queste sono:

    • Scelta personale: ci sono alcune persone che sono consapevoli dell’importanza del sonno ma spesso scelgono di rimanere svegli la sera per socializzare o divertirsi con gli hobby.
    • Ambiente di riposo: la camera da letto può influire anche sul sonno, così come temperature estreme,  la quantità di  luce oppure i suoni eccessivi. Oggigiorno inoltre i genitori sono anche inclini a privarsi del sonno a causa dei bambini che piangono o che hanno bisogno di nutrirsi.
    • Cattive abitudini: alcune persone non sono consapevoli dell’importanza del sonno e possono consumare caffeina o alcool o utilizzare dispositivi elettronici poco prima di coricarsi.
    • Lavoro a turni: orari di lavoro irregolari possono interrompere il naturale ciclo del sonno
    • Malattie: l’infezione o l’ostruzione del tratto respiratorio può limitare temporaneamente la respirazione durante il sonno.
    • Disturbi del sonno: molti disturbi del sonno possono interferire con la quantità e la qualità  del sonno.
    • Farmaci: alcuni farmaci possono causare insonnia e interrompere il ciclo del sonno.

 

Quali possono essere le conseguenze della carenza di sonno 

La privazione del sonno può causare nel breve tempo cattivo umore, facile irritabilità, difficoltà nella concentrazione e nell’apprendimento, perdite di memoria, alterazione della capacità decisionale, calo di interesse per le attività quotidiane, tremori, viso gonfio e pallido. Questi effetti possono scomparire con la ripresa normale del ritmo del sonno. La privazione del sonno a lungo termine invece può avere degli effetti più preoccupanti come ipertensione, obesità, diabete, ictus e infarto. Inoltre si ha maggiore propensione a sviluppare patologie psichiatriche quali stress, ansia, depressione, paranoia nonché l’invecchiamento precoce del sistema nervoso.

Carenza-del-sonno-effetti-sul-nostro-corpo
Privazione del sonno ed effetti sul nostro corpo. A lungo termine la carenza di sonno può avere degli effetti più preoccupanti come ipertensione, obesità, diabete, ictus e infarto. Inoltre si sviluppa maggiore propensione alle patologie psichiatriche e all’invecchiamento precoce del sistema nervoso.

 

Come gestire la mancanza del sonno 

Il modo migliore per gestire la mancanza del sonno è cercare di sviluppare delle sane abitudini per ritrovare un naturale ciclo del sonno. Ciò significa modificare il proprio stile di vita, ed in particolare:

    • Andare a letto prima
    • Evitare alcol, caffeina e fumo prima di coricarsi
    • Insonorizzazione dell’ambiente dove si riposa
    • Rimozione di distrazioni come TV, computer o telefono
    • Utilizzo di tecniche di rilassamento per favorire il sonno

In alcuni casi, c’è un problema che causa la mancanza del sonno o l’insonnia, che dovrebbe essere affrontato con un medico specialista.

Ottenere un sonno di buona qualità spesso inizia con buone pratiche e abitudini di sonno. Tuttavia, per alcune persone questo non è abbastanza per raggiungere un sonno di buona qualità. A tal proposito ci sono degli integratori naturali che promuovono il sonno. Sono integratori che contengono melatonina, estratti di lavanda, valeriana e camomilla. Gli integratori con valeriana distendono le tensioni e promuovono il relax soprattutto in caso di stress, mentre gli integratori con melatonina regolano il ciclo sonno-veglia ed evitano i risvegli notturni. Anche se tali integratori sono prodotti acquistabili liberamente e pressoché ovunque (farmacie parafarmacie, e-commerce, supermercati) è necessario sempre consultare il proprio medico prima di assumerli quando ci sono particolari disturbi, malattie, alterazioni dello stato di salute, condizioni particolari (ad esempio, gravidanza e allattamento) e/o terapie farmacologiche in atto.

 

 

Discutere con il proprio medico della carenza del sonno

I medici potrebbero non rilevare problemi di carenza del sonno durante le normali visite se non opportunamente informati. Quindi è necessario che il paziente informi il proprio medico se ci sono problemi durante il sonno o di mancanza di sonno. Ad esempio, è necessario parlare con il proprio medico quando si è affetti da stanchezza diurna o sonnolenza diurna e quando si è assonnati durante il giorno, quando non si è vigili oppure quando si hanno problemi di adattamento al lavoro a turni.

Per capire meglio il problema, il medico chiederà al paziente informazioni specifiche ed in particolare:

 

    • Quante volte il paziente ha problemi a dormire e da quanto tempo si verificano
    • A che ora il paziente va’ a letto e a che ora si risveglia nei giorni feriali e nei giorni liberi
    • Quanto spesso il paziente si sveglia durante la notte e quanto tempo impiega ad addormentarti
    • Se il paziente russa rumorosamente
    • Se il paziente usa caffeina, tabacco, alcool o altri medicinali (compresi quelli da banco)
    • Quanto il paziente si sente rinfrescato quando si sveglia e quanto si sente stanco durante il giorno
    • Quanto spesso il paziente si assopisce o ha dei problemi a rimanere sveglio durante le attività di routine ed in particolare durante la guida

 

Naturalmente il medico può inoltre ottenere informazioni sul sonno del paziente anche dai partner o dai genitori. Lo stesso però non possono diagnosticare i disturbi del sonno ponendo solo domande sulle abitudini del paziente.

Per diagnosticare eventuali disturbi del sonno è necessario effettuare un esame del sonno chiamato polisonnografia. L’esame può essere eseguito anche a domicilio del paziente e permette di monitorare alcuni parametri fisiologici durante il sonno. L’esame del sonno quindi permette di monitorare sia la qualità che la quantità del sonno,  permette di comprendere se ci sono patologie sonno correlate e quanto sono gravi.

 

Fonti e riferimenti

Sleep deprivation: Impact on cognitive performance.  Paula Alhola and Päivi Polo-Kantola. Neuropsychiatr Dis Treat. 2007 Oct; 3(5): 553–567. [PubMed]
On the ability to self-monitor cognitive performance during sleep deprivation: a calibration study JV Baranski 1, RA Pigeau, RG Angus [PubMed]
Sleep Deprivation. American Academy of Sleep Medicine [AASM]
Sleep deprivation may be undermining teen health.  American Psychological Association, Siri Carpenter October 2001, Vol 32, No. 9 [APA]
Sleep deprivation Better Health Channel [SP]

 

 

Sonnocare è un centro di Medicina del Sonno specializzato per la cura dei disturbi del sonno. Il centro svolge attività ed esami per la diagnosi e la definizione dell’iter terapeutico delle principali patologie del sonno. Se ha bisogno di prenotare un esame scrivici o chiama direttamente la nostra segreteria al numero +39 081 3779573.          

SCRIVICI

 

Related Posts