Paralisi del sonno: sintomi, cause e trattamenti

La paralisi del sonno è uno dei disturbi del sonno che maggiormente incutono paura e angoscia. Conoscere i sintomi e le cause di questa condizione è fondamentale per imparare a gestire correttamente il problema.

Paralisi del sonno

 

Nel corso di questo articolo esamineremo ogni singolo aspetto della paralisi del sonno, fornendo informazioni dettagliate e approfondimenti utili per comprendere meglio questo disturbo e aiutare a prevenirlo.


 

1. Cos’è la paralisi del sonno?
2. Sintomi delle paralisi notturne 
3. Cosa causa le paralisi del sonno
4. Tipi di paralisi del sonno
5. Quando si verifica solitamente la paralisi del sonno?
6. Paralisi nel sonno: rimedi e trattamenti

 

Cos’è la paralisi del sonno?

La paralisi notturna è un disturbo del sonno che si verifica durante il risveglio o poco prima di addormentarsi e che provoca una temporanea incapacità di muoversi e parlare, sebbene in quel momento si versi in uno stato di consapevolezza.

Generalmente, la paresi notturna ha una durata che va da pochi secondi a 1 o 2 minuti e non dà alcun postumo tanto che, una volta terminata, le persone possono tornare a muoversi e a parlare come se nulla fosse successo.

Questo disturbo, spesso, si presenta in associazione ad altri disturbi del sonno più gravi, come ad esempio la narcolessia, e tende ad essere più frequente negli individui con privazione del sonno o persone che hanno cambiato i loro ritmi di sonno-veglia, come ad esempio i lavoratori che svolgono turni di notte.

Torna all’indice

 

 

Sintomi delle paralisi notturne

La paralisi da sonno può essere un’esperienza profondamente inquietante, che lascia chi la vive in uno stato di paura e confusione. Spesso, le persone non sono a conoscenza di cosa stia effettivamente accadendo, il che può amplificare l’ansia e il disagio associati a questi episodi. Ma quali sono i sintomi e le sensazioni più comuni di una paresi notturna? Eccoli elencati di seguito:

  • Incapacità di muoversi o parlare durante il risveglio o l’addormentamento.
  • Sensazione di pressione sul petto.
  • Allucinazioni visive o uditive o tattili.
  • Sensazione di una presenza nell’ambiente.
  • Senso di intorpidimento.
  • Sensazione di essere trascinato fuori dal letto o di essere sospeso nell’aria (nei casi più gravi).
  • Formicolii o vibrazioni che attraversano il corpo durante la paralisi.

Torna all’indice

 

Da cosa dipendono le allucinazioni?

Le allucinazioni durante la paralisi del sonno sono una forma di sogno ad occhi aperti, derivanti dalla dissociazione tra stato REM e veglia. Esse sono spesso influenzate dallo stato emotivo dell’individuo, in particolare dalla paura e dal panico, e possono portare le persone a percepire nell’ambiente una presenza soprannaturale o minacciosa.

Ti potrebbe interessare anche:   Epilessia: di cosa si tratta e come gestirla

Torna all’indice

 

 

Cosa causa le paralisi del sonno

I ricercatori individuano la principale causa della paresi notturna in un’alterazione di quei processi neurotrasmettitoriali che determinano la paralisi e il rilassamento muscolare e che sono tipici della fase REM.

Ciò che succede è che i neurotrasmettitori, che generalmente vengono coinvolti nella fase REM e che hanno come scopo quello di inibire il movimento dei muscoli per prevenire reazioni fisiche durante i sogni, entrano in gioco in un momento del sonno che non è quello corretto e, di conseguenza, portano gli individui a rimanere paralizzati, pur essendo coscienti.

Oltre a questo fattore, alla radice della paralisi del sonno vi sono anche cause psicologiche come elevati livelli di ansia e stress, o problemi di altro tipo quali le alterazioni del ritmo sonno-veglia (causate ad esempio dal jet lag o da una notte insonne), mancanza di sonno, o alcune condizioni mediche, come la narcolessia.

Torna all’indice

 

 

Tipi di paralisi del sonno

Le paralisi del sonno possono manifestarsi in due momenti distinti del ciclo sonno-veglia e, a seconda di quando avvengono, assumono nomi differenti:

  • paralisi ipnagogica
  • paralisi del sonno ipnopompico

Vediamole nel dettaglio.

Torna all’indice

 

Paralisi ipnagogica

Questo tipo di paralisi si verifica nel momento in cui una persona sta per addormentarsi. È il periodo di transizione dallo stato di veglia al sonno, dove il corpo inizia a rilassarsi profondamente. Durante la paralisi ipnagogica, il soggetto sperimenta l’immobilità mentre è ancora consapevole.

 

Paralisi del sonno ipnopompico

Questa forma di paralisi avviene durante il risveglio, quando la persona sta passando dal sonno al pieno stato di coscienza. In questo caso, il soggetto si sveglia ma si ritrova temporaneamente incapace di muovere il corpo o di parlare, nonostante sia pienamente cosciente del proprio stato e dell’ambiente circostante.

Torna all’indice

 

Quando si verifica solitamente la paralisi del sonno?

La paralisi del sonno si verifica più frequentemente durante le transizioni tra il sonno REM e lo stato di veglia. Può accadere sia di notte sia di giorno, ma è più comune durante la notte o nelle prime ore del mattino.

Ti potrebbe interessare anche:   L'ipersonnia: che cos’è, quali sono le cause e i trattamenti

 

Le paralisi del sonno sono pericolose?

Di per sé, rimanere paralizzati nel sonno non è dannoso per la salute fisica, ma le sensazioni di angoscia e ansia derivanti dell’incapacità di muoversi o chiamare aiuto possono avere conseguenze per lo stato emotivo del paziente. Inoltre, nel caso in cui la paresi si verificasse con frequenza, essa potrebbe arrivare a minare il riposo notturno, dando origine ad altri problemi legati alla mancanza di sonno.

 

Chi può sviluppare paralisi nel sonno?

4 persone su 10 sperimentano la paralisi del sonno almeno una volta nella vita. Questa condizione è più comune durante l’adolescenza, ma può colpire a qualsiasi età.

 

Paralisi nel sonno: rimedi e trattamenti

Sebbene nella maggior parte dei casi la paralisi del sonno non richieda trattamenti specifici, qualora essa dovesse presentarsi in modo costante è bene rivolgersi al proprio medico.


In base alla gravità della situazione, egli potrebbe decidere di eseguire degli esami di approfondimento, come la polisonnografia, che consente di verificare la presenza di altri disturbi del sonno.

Sonnocare, la struttura specializzata nei disturbi del sonno che offre consulenze e polisonnografie a domicilio effettuate da medici qualificati. Se sospetti di soffrire di paralisi del sonno o credi che tale problema sia connesso ad altri disturbi, prenota ora la tua polisonnografia sul nostro sito.

 

Fonti e riferimenti

 A systematic review of variables associated with sleep paralysis. Sleep Med Rev. 2018 Apr;38:141-157. Denis D, French CC, Gregory AM. [PubMed]

Relationships between sleep paralysis and sleep quality: current insights. Nat Sci Sleep. 2018;10:355-367. Denis D. [PMC free article] [PubMed]

A clinician’s guide to recurrent isolated sleep paralysis. Neuropsychiatr Dis Treat. 2016;12:1761-7. Sharpless BA.  [PMC free article] [PubMed]

 

Sonnocare è un centro che si occupa di Medicina del Sonno specializzato nella cura dei disturbi del sonno. Il centro svolge attività ed esami per la diagnosi e la definizione dell’iter terapeutico delle principali patologie del sonno. Se ha bisogno di prenotare un esame scrivici o chiama direttamente la nostra segreteria al numero +39 081 3779573.          

SCRIVICI

 

Related Posts