L’ipersonnia: che cos’è, quali sono le cause e i trattamenti

Le persone affette da ipersonnia spesso sperimentano episodi ripetuti di sonnolenza durante il giorno che minano la qualità della vita, incidono sulla performance lavorativa e sociale e aumentano il rischio di incidenti.

Ipersonnia - eccessicv sonno diurno

 

L’ipersonnia è l’incapacità di rimanere svegli e pienamente allertati durante il giorno, nonostante un adeguato sonno notturno. Questa condizione rappresenta una sfida per la sfera lavorativa, sociale e familiare e può influenzare notevolmente la vita quotidiana e lavorativa. Le persone con questa condizione possono trovare difficile concentrarsi, svolgere compiti lavorativi o sociali e possono essere a rischio di incidenti sul lavoro, quando sono alla guida o in qualsiasi altra condizione a causa della sonnolenza. Questo impatto può minare la qualità della vita e causare problemi nelle interazioni personali e professionali.
 

1. Che cos’è l’ipersonnia
2. Segni e sintomi 
3. Quali sono le cause dell’ipersonnia
4. Diagnosi ed esami
5. Gestione e trattamento dell’ipersonnia
6. L’ipersomnia può essere prevenuta?
7. Prospettive e domande comuni

 

Che cos’è l’ipersonnia

L’ipersonnia è caratterizzata da una sonnolenza estrema di giorno nonostante il sonno notturno sufficiente o eccessivo. Le persone affette spesso sperimentano episodi di sonnolenza ripetuti durante il giorno. Questa condizione incide sulla performance lavorativa e sociale, mina la qualità della vita e aumenta il rischio di incidenti. 

Esistono diverse classificazioni dell’ ipersonnia proposte da varie organizzazioni scientifiche. Le più accettate includono l’ipersonnia secondaria e l’ipersonnia primaria.

  • Ipersonnia secondaria: la sonnolenza è causata da condizioni mediche, farmaci o mancanza di sonno sufficiente.
  • Ipersonnia primaria: l’ipersonnia è una condizione propria, non causata da altre condizioni mediche. Comprende narcolessia di tipo 1, narcolessia di tipo 2, sindrome di Kleine-Levin e Ipersonnia idiopatico

Chi è maggiormente coinvolto dall’ipersonnia? 

Le donne sono più colpite dall’ipersonnia rispetto agli uomini. Circa il 5% della popolazione è interessato da questa condizione. La diagnosi solitamente si verifica nell’adolescenza o nei primi anni dell’età adulta (media tra 17 e 24 anni).

Torna all’indice

 

 

Segni e sintomi dell’ipersonnia 

I sintomi principali della patologia includono la presenza costante di sonnolenza diurna eccessiva. Le persone affette da questa condizione possono sperimentare difficoltà a rimanere svegli durante il giorno, nonostante abbiano dormito a sufficienza durante la notte. Altri segni possono comprendere la necessità di fare pisolini frequenti, difficoltà a svegliarsi al mattino e una sensazione persistente di affaticamento. In particolare i segni e sintomi comprendono:

  • Ricorrente sonnolenza diurna grave.
  • Dormire più del necessario (10 ore o più) e tuttavia lottare con sonnolenza di giorno, difficoltà a rimanere svegli.
  • Sveglia difficile al mattino o dopo pisolini diurni, con occasionali momenti di confusione o irritabilità.
  • Pisolini di giorno che non migliorano la vigilanza, non risultano ristoratori.
  • Ansia, irritabilità.
  • Energia ridotta.
  • Ritmo rallentato del pensiero, discorso, concentrazione e memoria compromessi.
  • Perdita di appetito.

Spesso l’ipersonnia si manifesta come “sonnolenza cronica” una condizione caratterizzata dalla persistente sensazione di sonnolenza eccessiva che si prolunga nel tempo. Questo stato di sonnolenza costante può influenzare negativamente le attività quotidiane e compromettere la qualità della vita.

Torna all’indice

 

Quali sono le cause dell’ipersonnia

La causa della maggior parte dei casi di ipersonnia rimane sconosciuta. Potenziali ruoli di neurotrasmettitori cerebrali e fluido cerebrospinale sono stati esaminati, tra cui ipocretina/orexina, dopamina, istamina, serotonina e acido gamma-amminobutirrico (GABA). Anche fattori genetici potrebbero giocare un ruolo, con un’ereditarietà familiare presente in alcuni casi di ipersonnia idiopatica.

Ti potrebbe interessare anche:   La narcolessia: che cos’è e come si manifesta

Torna all’indice

 

 

Diagnosi dell’ipersonnia ed esami

La diagnosi dell’ipersonnia coinvolge una valutazione medica dettagliata. Il medico, specialista del sonno potrebbe richiedere informazioni sulla storia del sonno, sintomi e possibili cause. Test come la polisonnografia e i test di latenza del sonno multiplo possono essere utilizzati per confermare la diagnosi e identificare eventuali disturbi sottostanti.

Lo specialista del sonno indagherà sui sintomi, storia medica, sonno e farmaci attuali e potrebbe richiedere la compilazione del diario del sonno. Il monitoraggio attigrafico, un dispositivo simile a un orologio da polso, potrebbe essere usato per rilevare cambiamenti nel ciclo sonno-veglia per settimane. Altri test possibili includono:

  • Polisonnografia: Test notturno che registra onde cerebrali, respirazione, battito cardiaco e movimenti muscolari. Aiuta a diagnosticare disturbi della sonnolenza.
  • Test di latenza sonno multiplo: Valuta la tendenza al sonno durante cinque pisolini da 20 minuti distanziati di due ore. Monitora l’attività cerebrale e i pisolini REM.
  • Questionari del sonno: Scala di Sonnolenza di Epworth e Scala di Sonnolenza di Stanford valutano la sonnolenza. Secondo criteri del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, l’Ipersonnia è diagnosticato se si sperimenta sonnolenza nonostante 7 ore di sonno, con sintomi addizionali, per almeno 3 volte a settimana per 3 mesi.

Torna all’indice

 

 

Gestione e trattamento dell’ipersonnia

Affrontare la patologia richiede una combinazione di trattamenti e cambiamenti nello stile di vita. Mantenere una routine regolare di sonno, creare un ambiente di sonno confortevole e limitare l’uso di sostanze stimolanti come la caffeina possono aiutare a migliorare la qualità del sonno. La consulenza specialistica e l’adesione ai trattamenti prescritti sono fondamentali per gestire l’ipersomnia in modo efficace. In particolare i vari trattamenti possono includere: 

  • Trattamento dell’Ipersonnia: Il trattamento varia in base alla causa. Approcci farmacologici e cambiamenti nello stile di vita sono considerati.
  • Opzioni Farmacologiche: Farmaci stimolanti della veglia (modafinil, armodafinil, pitolisant, solriamfetol) sono spesso presi in considerazione. Psicostimolanti, se necessari, includono anfetamine, metilfenidato o destroanfetamina. Altri farmaci includono ossibato di sodio, flumazenil e claritromicina.
  • Cambiamenti nello Stile di Vita: Buone abitudini del sonno, ambiente adeguato e limitazione di caffeina ed esercizio fisico prima di dormire.
  • Prevenzione: L’ipersonnia non può essere prevenuta. Cambiamenti nello stile di vita possono migliorare la qualità del sonno e prevenire incidenti.

Torna all’indice

 

Prevenzione: l’ipersomnia può essere prevenuta?

Non c’è modo di prevenire la maggior parte dei tipi di ipersonnia. L’ipersomnia è una malattia cronica senza cura. Cosa posso fare per affrontare meglio l’ipersonnia? É necessario apportare alcuni cambiamenti allo stile di vita per migliorare la qualità del sonno e evitare infortuni e incidenti. Alcune consigli includono:

  • Andare a letto alla stessa ora ogni notte. Assicurati che la tua camera da letto sia ben ventilata, fresca in temperatura, buia, silenziosa e confortevole in termini di materasso, cuscini, lenzuola e coperte.
  • Evitare prodotti contenenti caffeina (tra cui caffè, cola, tè, cioccolato e vari farmaci da banco) diverse ore prima di coricarsi. La caffeina è uno stimolante.
  • Evitare l’alcol prima di coricarsi. l’alcol può provocare risvegli ed è spesso associato a incubi e sudori notturni.
  • Evitare il tabacco e i prodotti contenenti nicotina poco prima di coricarsi. La nicotina è uno stimolante.
  • Chiedi al tuo medico specialista del sonno quali cibi o farmaci specifici evitare.
  • Fare attenzione a guidare o usare attrezzature che possono essere pericolose per se stessi o per gli altri. Lavora con il proprio medico, la famiglia e il datore di lavoro per apportare adattamenti o aggiustamenti per mantenere se stesso e gli altri intorno  al sicuro.
  • Evita il lavoro a turni notturni.
Ti potrebbe interessare anche:   La privazione del sonno: che cos'è, quali i sintomi e le cause. L’importanza del sonno per il mantenimento e lo sviluppo del cervello e delle funzioni cognitive. Quando è necessario parlare con il proprio medico.

Può essere utile parlare con uno psicologo o un medico specialista per imparare a far fronte alle sfide dell’ipersonnia.  Le persone con ipersomnia sono spesso fraintese e considerate pigre o incompetenti. Informarle su questa condizione li aiuterà soprattutto nelle relazioni.

Torna all’indice

 

Prospettive e domande comuni 

L’ipersonnia può essere gestita, ma le prospettive variano in base alla causa. L’ansia non causa l’ipersonnia, ma può essere un effetto collaterale. La narcolessia è simile ma con attacchi di sonno improvvisi.

 

Ipersonnia nei giovani

L’ipersonnia nei giovani si riferisce alla manifestazione di eccessiva sonnolenza diurna tra i più giovani. Gli adolescenti e i giovani possono essere particolarmente colpiti dall’ipersonnia, influenzando il loro rendimento scolastico, le attività sociali e il benessere generale.

 

La narcolessia è la stessa cosa dell’ipersonnia?

No, non sono la stessa condizione, ma condividono alcuni sintomi simili, in particolare la sonnolenza diurna eccessiva. Una delle principali differenze è che la narcolessia è associata a improvvisi attacchi di sonno. Questo non è un sintomo dell’ipersomnia. Inoltre, i pisolini di una persona con ipersomnia spesso durano più di un’ora e non sono rinfrescanti. Una persona con narcolessia potrebbe sentirsi rinfrescata dopo un breve pisolino. La narcolessia può essere diagnosticata chiaramente attraverso il test polisonnografico.

 

L’ansia può causare ipersomnia?

No. L’ansia non causa l’ipersomnia. Tuttavia, avere l’ipersomnia può causare ansia.

 

Rischi lavorativi

L’ipersonnia può rappresentare un rischio significativo per il lavoro. Le persone con questa condizione possono avere difficoltà a rimanere sveglie e concentrarsi durante l’orario di lavoro, aumentando il rischio di incidenti sul posto di lavoro. Questo può avere implicazioni sulla sicurezza personale e sul rendimento lavorativo complessivo.

 

Effetti dell’ipersonnia sulla salute mentale

L’ipersonnia può avere effetti sulla salute mentale. La sonnolenza costante può contribuire all’ansia, all’irritabilità e alla riduzione dell’energia. Le persone con ipersonnia possono anche sperimentare difficoltà a gestire lo stress e a mantenere un equilibrio emotivo stabile.

 

Influenza del ritmo circadiano sull’ipersonnia

Il ritmo circadiano, il ciclo naturale di sonno-veglia, può influenzare l’ipersonnia. Le persone con disturbi del ritmo circadiano possono sperimentare sonnolenza durante le ore di veglia e insonnia durante le ore notturne. Questi disordini possono exacerbare l’ipersonnia e influenzare il sonno complessivo.

Torna all’indice

 

Fonti e riferimenti

Hypersomnia: diagnosis, classification and treatment. E Erro, B Zandio PMID: 17486152  [PubMed]

Disorders of excessive sleepiness: narcolepsy and hypersomnia. R L Manfredi, R W Brennan, R J Cadieux PMID: 3332460 DOI: 10.1055/s-2008-1041425  [PubMed]

 

 

Sonnocare è un centro che si occupa di Medicina del Sonno specializzato nella cura dei disturbi del sonno. Il centro svolge attività ed esami per la diagnosi e la definizione dell’iter terapeutico delle principali patologie del sonno. Se ha bisogno di prenotare un esame scrivici o chiama direttamente la nostra segreteria al numero +39 081 3779573.          

SCRIVICI

 

Related Posts